6 errori da evitare se non vuoi che la vendita della tua barca si areni clamorosamente (parte 1)

Diciamocelo, vendere una barca non è un gioco. Per farlo ci vuole un metodo ben preciso e collaudato, altrimenti il rischio è quello di perdere tempo e soldi inutilmente rimanendo con un pugno di mosche in mano. Oggi abbiamo deciso di mettere insieme tutta l’esperienza maturata nel corso della nostra carriera nel mondo della compravendita nautica e di riassumere i 6 principali errori che si commettono quando si vende un’imbarcazione.

Abbiamo creato una semplice guida divisa in 2 uscite: oggi potrai leggere la prima, dunque prendi nota e partiamo!

1 – Errata valutazione

2 – Disordine e mancata pulizia

3 – Mancanza della documentazione circa lo storico

4 – Pensare che il marketing non serva

5 – Non condividere l’informazione

6 – Sputtanare la barca

  • 1 – ERRATA VALUTAZIONE

Per quanto possa sembrare banale, l’errore più comune è sicuramente quello di stabilire un prezzo di vendita sbagliato.

Una barca valutata ad un prezzo troppo alto farà apparire le imbarcazioni simili più appetibili e ostacolerà la vendita della tua. Viceversa, con un prezzo troppo basso si finirà con il sacrificare inutilmente il proprio profitto. Stabilire il prezzo di vendita è un’arte che tiene conto dell’andamento del mercato, della domanda, delle condizioni della barca e anche del suo brand. Richiedi sempre una relazione valutativa dettagliata così avrai una fotografia del mercato con i prezzi delle barche in vendita e di quelle vendute simili alla tua. Tutto ciò ti servirà per definire il miglior prezzo anche in relazione alle condizioni reali della tua barca e alle manutenzioni effettuate.

  • 2 – DISORDINE E PULIZIA

Il secondo errore più comune è non preparare la barca per la vendita. Immagina la vendita come un appuntamento importante, dove la tua barca è la persona che si sta recando all’incontro…andresti mai all’appuntamento con i capelli in disordine, sporco e mal vestito? Ovviamente no, e vale lo stesso per la tua barca. Quando un acquirente vede una barca in cattivo stato può pensare che ci siano anche altri problemi: troppo disordine, un’eccessiva personalizzazione e un aspetto esterno inadeguato impediscono che un acquirente si innamori della barca. Ordine e pulizia aumenteranno il valore complessivo garantendoti una vendita più veloce al miglior prezzo.

  • 3 – MANCANZA DELLA DOCUMENTAZIONE DELLO STORICO

Il terzo errore frequente è quello di farfugliare che l’hai sempre tenuta benissimo o che hai fatto sempre tutto quello che c’era da fare senza avere documenti oggettivi che dimostrino gli interventi effettuati. Nella compravendita le chiacchiere stanno a zero, serve il pezzo di carta, fine. Quando il potenziale acquirente sta valutando seriamente l’acquisto della tua barca, la prima cosa che vuole sapere è la cura che hai avuto nella manutenzione. Esibire l’elenco dettagliato di tutti i lavori fatti almeno negli ultimi tre anni, farà capire la cura e la precisione con cui hai mantenuto la barca e trasmetterà aell’acquirente la fiducia necessaria a procedere nella trattativa, scegliendo la tua barca a favore di un’altra. Bisogna avere sempre a portata di mano la documentazione in quanto anche essa sarà sempre richiesta, quindi prepara il seguente materiale:

  1. Elenco degli accessori extra installati a bordo e ore di moto.
  2. Copia della licenza di navigazione, annotazioni di sicurezza (RINA) e licenza VHF (cartoncino azzurro formato A4).
  3. Se c’è un leasing in corso è fondamentale il “Piano di ammortamento” (prospetto dove vengono indicati, ad ogni data di pagamento della rata, i valori del debito residuo in conto capitale cioè al netto degli interessi, la quota capitale e la quota interessi di ciascuna rata).
  4. Storico dei lavori di manutenzione e migliorie/upgrade (possibilmente con relative fatture).

Per oggi è tutto, rimani sintonizzato per leggere la seconda ed ultima parte della nostra guida contenente i 6 errori da evitare quando si vende una barca. Appuntamento fissato alla prossima uscita!

Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti alla newsletter!

Riceverai ogni mese tanti contenuti esclusivi e potrai accedere con un click alla nostra TOP SELECTION


2019-03-01T10:24:06+02:00